LisbonLisboaPortugal.com

Home page - Top 10 - I segreti di Lisbona - Dove soggiornare? - 24 ore - 3 giorni - 1 settimana - Gite in giornata - Spiagge - Alfama - Belem

La Torre de Belem, Lisbona

La Torre de Belem è uno degli edifici simbolo di Lisbona ed è uno dei monumenti più facilmente riconoscibili del Portogallo.
Questo splendido, piccolo forte si erge a difesa dell’estuario del Tago fin dal XVI secolo ed è stato costruito nell’epoca in cui lo stile architettonico manuelino era al culmine dello splendore. Il forte è abbellito da torri di guardia in stile arabo, bastioni adornati dalla Croce dell’Ordine militare del Cristo e dalla più antica statua intagliata d’Europa raffigurante un rinoceronte.

Essendo il simbolo di Lisbona, la Torre de Belem è molto apprezzata dai turisti e può essere necessario restare in coda a lungo per visitarne gli interni austeri e semivuoti. La vera bellezza della Torre de Belem è l’esterno riccamente decorato, ben visibile sia da terra che nel corso di un giro in battello. Questo articolo offre una guida turistica alla Torre de Belem.
Articoli correlati: Guida al quartiere BelemDue giorni a Lisbona

Informazioni turistiche sulla Torre de Belem

La Torre de Belem sorge nel quartiere Belem, a circa 2,5 km dal centro della città, ed è raggiungibile con il tram E15. Il costo del biglietto d’ingresso intero è di 6,00€; l’ingresso è gratuito per i bambini e i ragazzi fino a 14 anni di età. Per via delle dimensioni ridotte, il forte può ospitare un massimo di 150 persone al proprio interno e ciò comporta lunghe attese per entrare, in particolare durante la stagione estiva.

 

 

Diversamente dalla maggior parte delle attrazioni turistiche di Lisbona, gli orari di apertura della Torre de Belem sono limitati: il forte è aperto dalle 10:00 alle 18:30 in estate e dalle 10:00 alle 17:30 in inverno. Se desiderate visitare l’interno, cercate di arrivare il più presto possibile, perché il forte è affollato fino all’orario di chiusura. Mediamente una visita dura 30 minuti, 40 se c’è molta ressa.

La nostra opinione: la vera attrazione della Torre de Belem è l’esterno in pietra intagliata, mentre gli interni sono piuttosto scialbi. Dalla cima del forte si gode di un bel panorama, ma la vista dalla cima del Padrão dos Descobrimentos è decisamente migliore.
Articoli correlati: Il tram E15 e come arrivare a Belem

La struttura della Torre de Belem

Il forte include bastioni su due livelli e una torre a quattro piani. I bastioni inferiori ospitavano 17 cannoni e in seguito vennero usati come prigione; quelli superiori sono aperti, riparati da basse mura. La struttura dei bastioni inferiori somiglia molto a un chiostro, con un cortile che permette alla luce di filtrare all’interno e di lasciar uscire il fumo dei cannoni.

I piani della torre includono la Sala do Governador, la Sala dos Reis, un’aula per le udienze, una cappella e una terrazza, da cui si gode di una bella vista panoramica sul quartiere Belem e sull’estuario del Tago. I diversi piani della torre sono collegati da strette scale a chiocciola, che possono risultare molto affollate nelle ore di punta.

Curiosità: la Torre de Belem è stata edificata utilizzando blocchi di lioz, o pedra real, una tipologia di pietra calcarea tipica del Portogallo. I blocchi utilizzati erano avanzi o scarti del materiale usato per la costruzione del Mosteiro dos Jerónimos, edificato nello stesso periodo. Il moderno Centro Cultural de Belem, costruito nel 1992, è anch’esso realizzato in lioz, in modo da adeguarsi esteticamente ai monumenti storici del quartiere…

Breve storia della Torre de Belem

1490 – Re João II propose l’edificazione di tre fortificazioni a salvaguardia dell’imbocco dell’estuario del Tago
1514 – La costruzione ebbe inizio; i lavori vennero diretti da Francisco de Arruda
1519 – La costruzione venne completata e il forte venne dedicato a San Vincenzo. Il nome ufficiale dell’edificio è Torre de São Vicente
1580 – Il forte venne conquistato dalla flotta spagnola e ciò portò alla dominazione del Portogallo da parte della Spagna per 60 anni
1581 – La torre viene usata come prigione
1782 – Il Forte do Bom Sucesso venne edificato e collegato alla Torre de Belem
1807 – I francesi, guidati da Napoleone, eliminarono i due piani superiori per realizzare una struttura difensiva in legno
1831 – Battaglia del Tago
1845 - I due piani superiori vennero ripristinati
1865 – La torre viene usata come faro

La lotta tra l’elefante e il rinoceronte presso la Torre de Belem

Nel corso dell’era delle scoperte geografiche del XVI secolo, i portoghesi ebbero l’opportunità di trovarsi davanti a un gran numero di tesori e altre meraviglie. Uno degli eventi più particolari si svolse nel 1517 sulla spiaggia vicino alla Torre de Belem, dove attualmente si trova Praça do Império. Si cercò di determinare quale fra gli animali africani e asiatici appena scoperti fosse il più forte. La competizione vide come protagonisti un elefante asiatico e un rinoceronte africano, entrambi offerti in dono a re Manuel I dal sultano del Gujarat.

La lotta fu deludente per il re e per la folla in attesa perché, alla vista del rinoceronte, l’elefante si voltò e fuggì. La vittoria del rinoceronte venne commemorata con la realizzazione di una statua sulla Torre de Belem, ma purtroppo l’animale annegò durante un naufragio nel corso del trasporto che lo avrebbe condotto da papa Leone X.
Il piccolo rinoceronte intagliato nella pietra si trova sulla parte occidentale dell’esterno della torre, ma purtroppo si è rovinato molto nel corso dei secoli.

Attenti, il re vi sente...
La Torre de Belem come forte

La Torre de Belem venne costruita per proteggere i cantieri navali di Restelo che, tra la fine del XV secolo e l’inizio del XVI secolo, erano il principale centro cantieristico portoghese. I cantieri erano vulnerabili agli attacchi via mare, poiché si trovavano vicino all’imbocco dell’estuario del Tago, a due chilometri e mezzo dalle difese della città.

Re João II propose di costruire una linea difensiva costituita da tre forti, uno sulla riva nord, uno sulla riva sud e uno sulla sporgenza rocciosa al centro del Tago. I forti ubicati sulla terraferma avevano la priorità per re João, pertanto la costruzione della Torre de Belem venne rimandata e venne avviata da suo figlio, re Manuel I.

All’epoca della costruzione (1514), la sporgenza rocciosa su cui la Torre de Belem è stata costruita si trovava a circa 180 metri dalla riva. Quando la torre venne completata, vi vennero installati 17 cannoni. Si trattava di una delle prime strutture difensive portoghesi progettata per resistere al fuoco dell’artiglieria.

Tuttavia, tali difese non furono abbastanza forti da resistere all’attacco della flotta spagnola nel 1580: i portoghesi si arresero dopo appena quattro ore. A causa della sconfitta, la Spagna rivendicò il dominio sul Portogallo per oltre 60 anni. Gli spagnoli non furono particolarmente impressionati dalla Torre de Belem e la usarono solo come modesta prigione per i prigionieri politici.

Gli sfortunati prigionieri della Torre de Belem

Originariamente, il piano inferiore della torre venne costruito per ospitare i cannoni e per immagazzinare cibo e armi. Quando la funzione del forte venne meno, il piano inferiore venne usato per la detenzione dei prigionieri politici.

Si trattava di un pessimo posto in cui essere imprigionati, perché il luogo era soggetto a costanti allagamenti provocati dall’alta marea o dalle tempeste. Regolarmente i prigionieri si trovavano immersi in acqua fino alla vita…

it - es uk de fr

LisbonLisboaPortugal.com